La storia di Canvas

Qui in Zoho diamo il meglio quando mettiamo la nostra libertà creativa in quello che facciamo: nei prodotti che progettiamo, nelle storie che raccontiamo e nelle esperienze che offriamo. È una parte fondamentale della nostra cultura aziendale, e quel tocco personale è ciò che rende il nostro lavoro riconoscibile.

canvas-tower

Fino al 2014 avevamo un piano in affitto in un edificio di uffici e non facevamo molto caso al suo aspetto, alla sua atmosfera e a come si svolgevano le attività. Già dopo poco abbiamo considerato prioritario spostarci in un posto tutto nostro che ci consentisse di vivere in piena libertà il nostro lavoro. E così è nata la nostra sede. Edifici, scrivanie, sedie, divani, luci, giochi da tavolo... Abbiamo scelto personalmente ogni dettaglio, ed è per questo che la sentiamo come parte di noi.

La libertà è lo spirito fondatore che risiede in ogni imprenditore, motivo per il quale tutti vogliono sentirsi liberi di gestire le loro aziende come desiderano. Prodotti, uffici, valori, cultura, tutto è personalizzato per rappresentare il loro stile. Tuttavia, un'area in cui la maggior parte delle aziende non dispone di tale libertà creativa è quella relativa ai software che utilizzano, in particolare le app aziendali come CRM.

Utilizzavamo i software che progettavamo, quindi eravamo in questa stessa situazione. Persone con ruoli di vendita, marketing, assistenza e gestione utilizzavano tutte lo stesso CRM, nonostante non avessero nient'altro in comune. Erano limitate dalla mancanza di praticità di un software per niente affidabile e rallentato da aspetti che non le riguardavano.

canvas-team

Volevamo cambiare questa situazione, così ne abbiamo parlato con il nostro collega Muthuraja, responsabile del design di Zoho CRM, che la pensava come noi. Sin dal nostro inizio nel 2005, ci siamo sempre concentrati sull'esperienza dell'utente finale, ma, in quel momento, ci siamo sentiti improvvisamente come se fossimo di fronte a qualcosa di grande.

Nel 2011 abbiamo dato al design di Zoho CRM una rinfrescata. In tre mesi, l'uso del CRM è cresciuto di sei volte, dimostrandoci che un prodotto ben progettato viene usato con piacere. Nonostante il picco di utilizzo, però, i clienti desideravano qualcosa di più, un'esperienza migliore.

Nel 2016 abbiamo implementato un'importante revisione del design di Zoho CRM per creare un'esperienza più semplice e contestuale. I nostri clienti l'hanno amata alla follia, ma hanno anche riferito che non la sentivano del tutto creata su misura per loro. Volevano riconoscersi in Zoho CRM come si riconoscevano in Spotify e Netflix.

Ogni cliente con cui abbiamo parlato aveva una diversa richiesta per l'estetica del CRM, il modo di assemblare i dati e così via. Ci siamo resi conto che c'era una lacuna dal lato pratico pronta per essere colmata da qualcosa che doveva portare l'esperienza di un'app di consumo nel mondo del software CRM.

canvas-script

Ecco perché abbiamo realizzato Canvas, uno studio di design senza codici che aiuta i clienti a creare la propria esperienza personalizzata. Settore, ruolo, processi, geografia, concetti, criteri, c'è così tanta varietà. È in tale varietà che si trova la vera identità, che è il motivo per cui abbiamo deciso di offrire a ogni utente CRM la libertà creativa di cui ha bisogno.

Abbiamo pensato a quelle persone che hanno gusti e preferenze particolari, che apprezzano l'estetica e lo stile e che amano aggiungere al lavoro un tocco personale. Questo è il nostro tributo al mondo del CRM, in grado di accompagnare l'utente verso una nuova era di relazioni con i clienti.

canvas-mani-vembu

Mani Vembu, COO, Zoho Corporation.